giovedì 21 aprile 2016

Tokyo. Sakura, Friends , Crazy people & Cyberpunk.

Tokyo.

First thing? First thing is WOW!

Writing now from the Shinkansen to Kanazawa, six days spent  in the incredbile capital. A cyberpunk parenthesis in my life. What a journey!
First funny thing was the 15-minute delay of my bullet train (it actually stopped in the middle of the route for a safety check). To the face of punctuality… I am on time, and it arrives late, it’s something really really unusual here, it happens a couple of times per year, no more. And it’s my very first, I guess they cannot cope with an Italian, or just with me, because I must be late. Every time.

I noticed something hilarious for me: In Japan there are actually public telephones that works by inserting coins. I did not see one since the early ‘90s…. In the land of technology, and they have coin-operated telephones. I mean, here they have washlets, the electronic WC and the phone operates on coins? How bizarre…

So, I take my first room in a business hotel, one of those very tiny ones where you have your small room all with tatami on the floor and one futon. Period. I loved it. The futon was so comfortable! 
On the first evening I walked around Uneo, area that I really liked, full of small restaurants and a little market with a huge video fame room. I mean really huge, like they have never invented home entertainment. From where I come from these kind of things mainly went bankrupt when they started with the Playstations etc. Here it’s huge, as I say, and it’s so loud that I guess it would be a physical experience as well to spent just an hour inside. After I walked trough Akihabara, the nerd area, which was all about manga, anime and video games.  Here, as well, video game rooms as there would be no tomorrow, I found it so funny, Tokyo is really a crazy place.

Another thing that I love, and I guess everyone loves it, is that it’s kinda not that expensive of a city . Tokyo is less expensive than Roma, Milan, very much less expensive than New York, London & Paris. It's misconception of a lot of people that it would be a very expensive one, I guess it comes from something like more than ten years ago when their economy was booming and it was the most expensive city in the world before. Things have changed, just me, and a lot of people never realized that. Beside the cabs, luxury service here,  I did not found anything really expensive for an European point of view of course.

I’ve loved the garbage trucks, super clean and well perfumed, they are all really shiny. I thought about the Italian one, where you could smell the stink from half a kilometer...Oh God! It makes me want to cry, just I did not get if it’s  because it’s funny or it’s sad.

The day after I walked again, a lot, 25 kilometers, to visit the amazing Senso-Ji Temple in Asakusa and of course the whole area around. In the late afternoon I met two freinds of mine form Italy: Alessandro, I haven't  seen him since two o three years, and my very old dear high school friend Takis, one of my very best friends at that time, I have not see him for the last tewnty years, so I was pretty excited to meet him again. Takis is one of the main reason why I’ve pushed through this Japan travel. It has been very cool, we have been telling each other the last twenty years, more or less, and in somehow time looks like it never passed, few days after I will meet his wife as well, a very nice sweet girl. We grew up, but  we are still the same old kids. Well, it means to me we grew up in the right way, making good choices. He bring us to a very crazy bar, where the waitresses are dressed and they act like just coming out from a manga, it's a famous bar here in Tokyo, out of here it would go to bankrupt in few days, very hard to explain by words, think about this: They made us do a sort of little song before we drink our beers, ending with making a heart with hands, it is so the beer will be tastier, they say. It looks pretty silly I know, but also this is Japan,  short silly dances, lights, the girl that says hi as a cat. Kinda weird, but funny like hell. One time in life of course, but here it’s very trendy, don’t ask me why!

The week goes on with tons of kilometers under my feet. In the moment I write the kilometers among Osaka and Tokyo are 126. I feel like a light warrior on the Santiago Route and that’s fine. I’m a good walker and as photographer it’s the best way to take in a city. Get lost, walk, shoot. Just I’m not really comfrotable anymore with wearing shoes so my feet are all sore. I visit temples, shrines, parks, I can finally check out the amazing Sakura (again, the cherry blossom), this amazing cherry trees that do not make cherries (what you were excepting? Cherry trees making cherries? Of course not…). One night spent in Roppongi the glamour area, to have a nice party with another French friend, met in Manila last September. I see a lot about Tokyo, really a lot. The fish market was impressive, crowded, very typical, then an area, I don’t remember the name, pretty trendy were they sell costumes and masks. Here I’ve bought the rabbit one from Donnie Brasco movie. I dream about DJing with this, it’s gonna be awesome, Lucy’s Son. Ok this is not for everyone, but someone will get it.

Emotion flows like a river on me while discovering Tokyo, I realized that to me Japanese girls are among the most beautiful women in the world and they are a lot!, they made me think of my beautiful lady, a Filipina who really looks like a Japanese, in somehow I like her more now, it’s funny, isn’t it?

The style of the people, then, it hit me, they are cool, dressed like I never seen anyone, really the best, everyone looks like they just stepped out of a movie. This town is stunning and unbelievable to me.

I felt like a character form Blade Runner movie when Takis on last evening bring me to an amazing restaurant with view of the bay of Tokyo. The urban landscape is one of the closest thing to cyberpunk I have ever pictured in my mind. 

Before that I made a journey on the skytrain where I can enjoy this futuristic city by night on a non piloted monorail, among skyscrapers (the most beautiful I’ve seen is in Shinjuku, and it’s just a fashion school! I wanted to cry there,  metaphorically, I supposed, of course, that it was just another bunch of office, or a multinational or just anther fucking bank! No, it’s a school for the fashion industry. Holy Mother Earth!). Then he brings me into one of these cool skyscrapers, we take a super fast glass elevator, 46 floors in less than one minute where you can see the whole bay and the amazing urban landscape for very high, it’s breathtaking, then I finally think, "do the robots make dreams of electric sheeps?”, also this is not for everyone. It was MY moment.

Goodbye Tokyo, goodbye again my dear friend, thank you for everything and, this time, see you soon, here again, because I’m going to be back in my paradise in the Philippines.

giovedì 7 aprile 2016

(Eng version) Japan, Osaka. Finally The Rising Sun Land.

Japan. 
Finally.
For travel, for life, for the culture and for a friend whom I haven’t seen for the last 20 years, and in somehow helped me to take this choice of travel life.
I arrived in Japan from Hong Kong, after 5 days with Gayle, where I visited my good friends Nika and Lindsey, lovely persons as always. Then finally I bought my new camera. I have been almost one year without shooting photos, quite impressive for me.
Japan, and the very first day I’m already in love.
Sadly I have just 20 days now, but it would be enough, at least for this time, I’ll be back as it’s very close to my base in the Philippines, so I consider myself very lucky.
I arrived after a night without sleep (just one hour on the airplane), after landing I was almost two hours at immigration, late in the night, I wasn’t expecting this from the great Japanese organization, honestly. I seemed to be in Africa, not in Japan, but it’s ok, the first train it would be at 5:30 in the morning, I just wanted to sleep a bit, maybe on the bench at the airport, as I was so tired…
So, early morning I’m already around Osaka. A quiet city, it looks calm, organized, and clean like never anywhere before. Everything over organized for an Italian point of view, there are also private, personal parking lots for bicycles!
Sadly the Sakura here isn’t ready yet, due to the cold so I just plan to move straight to Tokyo where the cherry blossom (Sakura) is about to be at its peak, the day after.
Morning around the city, walking to start to understand this new culture for me. Typical breakfast (here it looks like to be toast, egg and coffee, I’m going miss my juice and my fruit salads). I already understood that my veganism will go to hell, I’ll pass vegetarian, but inside myself I know, I’m gonna pass pescatarian , as often it happens when I’m traveling. It means I’m going do my sins with raw tuna. The greatest and most delicious food on this planet, sadly for the tuna of course. I mean I already lost 2 kg since I started the trip to Hong kong, I cannot cope with this. I’m very tired as I didn’t actually sleep, but at the end of the day I find myself with 20 kms on my belt… I walk a lot, unstoppable, I look like the bullet train, just as slow as a snail.
First thing that I really notice, as I said, it’s the organization and the fact that everything is super clean, not even leaves under the tree, it looks so unreal.
Then the scent, this city has an amazing smell on the air, but I really cannot define it, I just take it and love it.
The other thing that hit my mind is that She (my mind) made an incredible link between Japan and India. India? How does it happen that I am reminded of the most disorganized place on Earth, the most dirty, chaotic and stinky and improvised with this incredible “perfect”place? Well, it is because of the colors. Yes, they have this incredible connection, colors. I’m not here to remind you or explain to you the colors of Mother India, because I guess it is more or less on the collective imagination of everyone. Like there, everything here is super colored, tons of colors on every corner, you look down on the ground, at the station, a lot of signals, numbers, ideograms, all colored differently. So many amazing warming colors, it’s jsut so beautiful and unexpecrted to me. I’m addicted to colors (main reason why two years ago I went there, in India, to the Holi, the festival of colors).
I’m so in love with this country already. I’m loving everything.
I also didn’t expect so many Harley-Davidson guys here, I always have pictured in my mind street super fast japanese bikes all around, I mean, you know, Yamaha, Honda, Suzuki… No, Osaka is about Harley Fucking Davidson. I love you more and more.
The days pass quite fast, and at the same time it’s so long, I'm seeing so much, I'm learning so much, I'm experiencing a lot and it makes me feel alive. Like every time, to travel is to live, nothing is like traveling. My mind runs back to the moment when I’ve decided to do this, to travel for life and I laugh, I laugh a lot, I’m too happy to contain it, to leave has been the best decision ever, again, and it’s almost 7 years now, I guess I did a couple of times the world tour, but I’m in Osaka, Japan. Amazing, Awesome.
The day ends in a magic whiskey bar, the owner Shiinoya San, bought it 15 years ago from a friend of his, but the bar is one of the oldest in Osaka, 70 y.o. Real vintage, when they have opened, upstairs there is a brothel (Again? How is it that I always end up in these places), but after few years prostitution became, sadly, very sadly, illegal also here in the Land of the Rising Sun. Shiinoya San pours me two different Japanese Whiskey, I love them, it was just the old bartender and me, chatting, then he gives me a saki to try, delicious. Tiny, hidden, magical, somehow romantic place. Unforgettable.
So the Land of the Rising Sun started to treat me so good from the very first day, with a smile on my face and on my heart I find my way home, walking in the night, last 3 kms, the emotions are a lot, I love you world. I love you Japan.
Harigaou.

mercoledì 6 aprile 2016

Tokyo. sakura, amici, matti e cyberpunk

Tokyo.
Prima cosa?
Prima cosa è WOW!
Scrivo ora dallo Shikansen per Kanazawa, 6 giorni nell’incredibile capitale. Una parentesi cyberpunk nella mia vita. Che roba…
Prima cosa divertente è che il mio Shikansen (il treno proiettile) fa 15 minuti di ritardo. Non che perda tempo, proprio si ferma sui binari 15 minuti per un problema, controllo di sicurezza ad una porta. Alla faccia della super puntualità, te pareva. Forse è che ci sto io sopra e non ce la fanno, mi vogliono far arrivare con i soliti 15 minuti di ritardo politico. Vabbè. Roba che succede un paio di volte l’anno.
Noto una cosa divertente, in Giappone ci sono le cabine telefoniche a gettoni, non ne vedevo una dai tardi anni ’90… Fa strano vedere tutto così tecnologicamente avanzato e poi vedere cabine a gettoni. Dico, qui ci stanno i water elettronici. Penso che sia una cosa che si sappia, ma sono davvero ovunque. Ogni bagno, ogni buco zozzo sotto la stazione, ogni singolo water è Panasonic, Samsung, Philips… etc, fa troppo ridere. Il cesso elettronico, davvero cyberpunk, e poi hanno i telefoni a gettoni… bah! Prendo la camera in un alberghetto piccolo, un business hotel, dove per terra è tatami e futon (il futon è il materasso giapponese) e ti danno anche la vestaglietta. Lo trovo delizioso. Mi giro la sera Uneo, bellissimo, con tutti baretti e ristorantini tipici a dopo vado ad Akibahara, la zona Nerd, dove tutto è Manga e videogiochi. Sale giochi spaventose ed assordanti, come se non ci fosse un domani, come se non avessero mai inventato ormai l’intrattenimento casalingo. Pazzesco. Bellissimo notare che la città è piuttosto economica, si spende meno che nelle grandi città italiane, per dormire e mangiare, ti staccano la testa i taxi, quello sì. Solo sei euro i primi dieci minuti, però poi sono 4 euro a chilometro!!!!  Bellissimi i camion della mondezza, non sembrano tali. Profumati e pulitissimi, lucidi, sembrano tutti nuovi, metallizzati, una cosa incredibile. Penso ai camion romani e me viè da piagne.
video
Il giorno dopo visito un meraviglioso tempio ad Asakusa, mi butto chilometri e chilometri sulle spalle, ancora e in tardo pomeriggio becco due amici, Ale, che non vedo da due o tre anni e il carissimo vecchio amico Takis. Uno dei migliori amici ai tempi del liceo, uno dei motivi principi che mi ha spinto ha visitare il Giappone è anche stato riabbracciare il mio vecchio amico e devo dire che è stato bello, ci raccontiamo gli ultimi vent’anni e in qualche modo sembra che il tempo non sia mai passato. Cresciuti, eppure sempre ragazzini. Bene, vuol dire che ci siamo temuti bene. Takis mi porta ad un bar dove è pieno de gente completamente fuori di test. Un posto che se fosse aperto fuori il Giappone fallirebbe in un attimo. Le cameriere vestite come personaggi dai cartoni, con vocine assurde, tutto assurdo. Balletti, lucine, gattini. Ci fanno fare un sorta di mini balletto con mani a cuoricino sul finale per la birra, dicono così la birra è più buona. Ora, è assurdo, ma una volta nella vita va fatto. La cosa è che loro, i giapponesi, molti di loro almeno, ci vengono spesso. Vai a capire… O forse meglio di no, meglio non capirlo, vivilo e basta.
La settimana continua macinando chilometri e chilometri. A ieri, al conto, sono 126 tra Osaka e Tokyo. Il che non è un problema, sono un gran camminatore da buon fotografo, il problema sono le scarpe, io non sono più abituato alle scarpe, e sto facendo tutto in Converse, non proprio adatte a questa moltitudine di passi al giorno. Vedo parchi, templi e finalmente la meravigliosa Sakura, questo incredibili alberi di ciliegio, che non fanno ciliegie (te pare che i ciliegi facevano le ciliegie? No, che sei matto). Solo fiori bianchi, niente foglie, davvero uno spettacolo unico, altra cosa da fare una volta nella vita. Una serata a ballare a Roppongi, giornate spese e vedo praticamente tutta Tokyo, il mercato del pesce, la zona delle maschere, compro per me la maschera da coniglio di Donnie Brasco, già mi vedo ad Alona, a suonare elettronica con ‘sta maschera, Lucy’s son.
Le emozioni son tante, intense, mi rendo conto che a mio gusto le donne Giapponesi sono le più belle al mondo, tra l’altro tantissime bellissime, è proprio la quantità di ragazze stupende a farmi girare la testa e ripenso alla mia, bellissima filippina che sembra un giapponese, guarda caso…
Altro punti, tolta l’eleganza, dove probabilmente l’italiano è ancora il numero uno, i giapponesi sono il popolo che si veste più figo al mondo. Uno stile fantastico, curatissimo, sembrano usciti tutti da film pazzeschi. E’ davvero un popolo incredibile. Tokyo, a mio avviso, insieme a New Orleans, ma chiaramente per motivi completamente diversi, è il posto più figo del pianeta, ma di tanto.
Fosse per me queste due sarebbero le due capitali mondiali. Due luoghi fuori dal mondo.
L’ultima sera Takis mi regala una serata dal taglio davvero futuristico fantascientifico. Skytrain, la piccola metro auto pilotata e sopraelevata della nuova zona, sulla baia, che va tra i mega grattacieli (ci sono grattacieli con forme incredibili e il più bello, a Shinjuku è una scuola di moda, mi viene da piangere, io ovviamente pensavo fosse la solita cazzo di banca, invece è una scuola!). IN piena serata prendiamo un ascensore, 46 piani in meno di un minuto, in vetro, che sfreccia verso l’alto regalandoti una vista sulla baia, mozzafiato. Mi sento in un film e penso anche io: “Chissà se i robot per andare a dormire pensano a pecore elettriche”. Questa non la spiego, non è per tutti. Mi sento un personaggio di Blade Runner mentre ceniamo in un ristorante a con vetrata sulla Tokyo notturna. Sashimi (appunto ciao ciao vegan per ora), birra, sakè e un delizioso Hibiki, whiskey  Jap. Ultima sera. Ciao amico mio, grazie di tutto, ma ora ci vediamo presto, o torno io il prossimo anno o mi vieni a trovare tu nel mio paradiso e…

Ciao Tokyo, città magica, città futuristica, città cyberpunk, città piena zeppa di matti da legare.

sabato 2 aprile 2016

Japan. Osaka. Finalmente il Sol Levante

Giappone.
Finalmente.
Per vita, per viaggio, per cultura e per un amico che non vedo da vent’anni che in qualche modo, per motivi personali, ha influito anche da così lontano alla mia attuale scelta di vita: viaggiare.
Arrivo in Giappone da Hong Kong, dopo 5 giorni li con Gayle, dove ho ritrovato le amiche Nika e Lindsey.
Giappone. E dopo un giorno sono già innamorato perdutamente.
Purtroppo per ora ho solo venti giorni, me li faccio bastare, mi considero fortunato, fortunatissimo.
Innanzitutto arrivo con notte in bianco, un’oretta di riposo sull’aereo. Appena atterrati quasi due ore di coda per l’immigrazione, qualcosa che sicuramente non mi aspettavo dalla grande organizzazione giapponese. Sembrava di stare in Africa, non in Giappone. Poco male, tanto prima delle 5,30 di mattina i treni per la città non partono.
Detto fatto alle sei e mezza di mattina sono in giro per la città. Calma, ancora dormiente, pulita come non credo di aver mai visto nulla. Tutto organizzatissimo, ci sono i parcheggi, privati anche per le biciclette.
Peccato che la Sakura sia in forte ritardo, a causa del freddo, quindi già cambio programma, solo un giorno a Osaka e il giorno dopo Tokyo, dove la fioritura dei ciliegi, Sakura appunto, dovrebbe esser bella pronta.
Mattina in giro per l’interessante Osaka, per iniziare a capire la cultura.
Colazione tipica (che qui sembra esser toast con burro, uovo sodo e caffe filtrato). Ecco, ho già capito che il mio veganesimo andrà a farsi benedire (più che altro a farsi fottere), si torna vegetariani, per emergenza, che già son 4 chili sotto peso. Sono stanchissimo eppure a fine giornata mi ritroverò con venti chilometri a piedi sul groppone, mica male per il primo giorno con due ore di sonno (una in aereo, una in pomeriggio). Cammino che sembro inarrestabile, macino chilometri come lo Shinkasen (i bullet train giapponesi) però alla velocità di una lumaca stanca e ubriaca.
Prima cosa che mi colpisce dopo l’ordine e la pulizia incredibile è l’odore, buonissimo, più o meno ovunque, indefinibile.
L’altra cosa che mi colpisce, ma davvero tanto, è il fatto he la mia mente fa un collegamento stranissimo: Il Giappone mi ha ricordato l’India. L’India?
Come è possibile fare un collegamento tra una delle società più organizzate, tra le più evolute tecnologicamente, tra le più ordinate, precise, pulite, mai viste e l’ India. L’India è probabilmente il posto più sporco del mondo (cancella quel probabilmente!), il più puzzolente nelle grandi città, il più confusionario, caotico, disorganizzato, improvvisato pezzo di terra di Madre Terra.
Eppure hanno un meraviglioso punto in comune: I colori.
Non vi sto a ricordare i colori dell’India che sono nell’immaginario collettivo di ogni essere umano, ma non mi aspettavo qualcosa di simile qui. Tutto è MOLTO colorato. ME ne rendo conto aspettando il treno urbano, mi giro intorno e tutto è a colori, tremendamente a colori. Già solo le scritte per terra, alla stazione, mille informazioni, tutti colori differenti,  alzi gli occhi, tutto super colorato. In parte sembra di essere in un cartone animato, un Anime, come li chiamano i più tecnici.
Fantastico, sento le farfalle nello stomaco come al primo appuntamento, mi sto innamorando.
Non mi aspettavo nemmeno questa grande quantità di giapponesi in Harley-Davidson. Nella mia mente li ho sempre disegnati sulle classiche moto da strada giapponesi. Invece i rombi si sprecano, ma gli allarmi non suonano.
LA giornata passa velocemente, eppure è lunghissima, vedo tantissimo, mangio, vivo, rido e penso a quanto sia stato illuminato quel giorno, anni fa quando dissi, io me ne vado, parto, il mondo è troppo grande per non visitarlo e scoprirlo, 30 anni in una stessa città, dal mio punto di vista, oggi, sono una follia irrimediabile.
Osaka. Grazie anche a te.
Purtroppo il vegetarianesimo dura poco, per essere vegan o vegetariani qui bisogna organizzarsi. In movimento si rischia di non mangiare, che per uno normale, andrebbe anche bene, io sottopeso, con la facilissima tendenza a perder peso alla velocità sempre dei bullet Train (si, sto in fissa coi treni veloci, domani il mio primo verso Tokyo), non posso permettermelo.
Alo gli occhi al cielo, ricorro al vecchio amico pesce, niente frutti di mare, mi limito ai predatori, con un po’ di tristezza nel cuore sento il mio palato gioire e il mio stomaco prepararsi al triste, ma deliziosissimo spuntino di sushi. Tonno crudo. Lo ammetto, è spettacolare, fuori dal mondo. Questo non mi convertirà, è solo emergenza. Ora. Però va così. Purtroppo. Il che non è nemmeno troppo sano, visto che il disastro Fukushima sta massacrando l’oceano e i suoi abitanti, quindi non so quanto poco radioattivo sia ‘sto pesce. MA meglio morire più in là che fra una settimana per fame.
Dopo mangiato trovo il bar più figo della mia vita. Almeno per bere solo, o in due.
Grande non più di due metri per dodici. Aperto oltre 70 anni fa, è un Whiskey bar. Praticamente solo Whiskey, io chiaramente vado per la mia passione, Whiskey Giapponese mi fa impazzire. Siamo solo io e il vecchio barman che mi racconta un po’ di storia di questo che è uno dei più vecchi bar di Osaka, nascosto, romantico, bellissimo.
Concludo quindi meravigliosamente il mio primo giorno nella terra del Sol Levante, col sorriso stampato sulla faccia, negli occhi e nel cuore.

Harigato.